CANTA CHE TI PASSA, DICEVANO.

Oggi ospitiamo qui sul nostro blog Gaia Travaini. Gaia è la nostra insegnante di pianoforte e didattica speciale al pianoforte. Gaia è anche la creatrice di MusicAbili®, un progetto di diffusione dell’esperienza musicale didattica, speciale e musicoterapica a misura di individuo.

Dunque… A gaia la parola!



“Quando sei arrabbiato e ti vuoi calmar

Fai un bel respiro! Fino a quattro puoi contar.

Uno, due, tre, quattro!”


Canta che ti passa, dicevano.

E., bambino oggi di 10 anni nello spettro autistico, ha imparato a utilizzare alcune canzoni per esprimere sensazioni ed emozioni che, diversamente, resterebbero dentro di lui, portandolo a cercare un’azione, magari brusca e improvvisa, per esternarle.

L’uso della voce e il canto sono sempre presenti negli incontri di Didattica Speciale, come compagni stabili dello strumento. Essi ci consentono di:

  • incontrare sonoramente e senza intermediari una persona;

  • rispecchiare i suoi suoni;

  • cantare le sue canzoni;

  • fornire un’occasione di stimolo e di propriocezione;

  • fornire un’occasione immediata di espressione.


Ultimo, ma non per importanza, l’uso della voce cantata accende la fiamma della comunicazione: essa cattura l’attenzione in modo unico, quando le parole da sole sembrano incontrare il muro dell’incomunicabilità.

Quanta magia in questo racconto. Ma voi lo avreste mai immaginato che attraverso l’elemento sonoro/musicale possiamo fare così tanto? Il lavoro di Gaia per noi è davvero prezioso, QUI puoi scoprire di più sul nostro percorso di “Didattica speciale al pianoforte”.


69 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti