I GENITORI CHE…PENSANO DI ESSERE STONATI

Ti vogliamo raccontare cosa succede nei nostri corsi per i bimbi da 0 a 3 anni: naturalmente i bambini sono accompagnati dai genitori ma per noi non è un semplice “accompagnare”, è molto di più.

Accompagnare il bambino per noi significa vivere l’esperienza assieme a lui ed essere parte integrante della lezione. A noi piace dire che le nostre lezioni 0-3 non sono lezioni 0-3 perchè effettivamente non facciamo musica solo con i piccoli, ma con la famiglia e questa per noi è un’occasione davvero importante.


A lezione non viene chiesto ai genitori di conoscere la musica, né di saper suonare uno strumento, neppure di essere un impeccabile cantante. Ci capita veramente molte volte di sentire mamme e papà che accennano piccoli frammenti di melodia quasi in silenzio per paura di “buttare fuori” il gruppo, di far emergere stonature o altro. Lasciaci dire che non esistono persone stonate, esistono persone che semplicemente non sono accurate nella produzione vocale dei suoni e questo dipende da quanto si è stati immersi nel mondo musicale, fin dalla nascita. Tutti nasciamo con un certo livello di attitudine musicale che è massima al momento della nascita e si sviluppa a contatto con un ambiente in grado di far vivere al bambino esperienze musicali significative.


Esporre il bambino ad un percorso di apprendimento musicale fin da quando è molto piccolo, vuol dire approfittare del momento in cui la sua capacità di assorbimento è al massimo livello.

Nelle nostre lezioni di musica offriamo al bambino l’occasione per arricchire il suo vocabolario musicale e per fare questo dobbiamo creare un ambiente il più possibile musicale; proprio per questo è importante il ruolo dei genitori: il gruppo insieme sostiene il canto delle guide musicali, propone, improvvisa, crea semplici dialoghi musicali che permettono al bambino di ascoltare, sperimentare e giocare con la musica. Il piccolo comprende quanto sia importante l’attività a cui sta partecipando e di quanto in questo momento speciale con la musica ci siano in tutto e per tutto i suoi genitori.


Spesso mamme e papà, dopo aver compreso gli obiettivi del percorso e vivendo in maniera più consapevole gli incontri, ci raccontano di quanto, attraverso la musica, siano riusciti ad aprire dei canali di comunicazione diversi e inaspettati con il proprio figlio.

Essere delle guide, dei modelli per i nostri figli non è un compito facile, aiutarli a rispettare le regole, a diventare persone in grado di ascoltare, di accogliere, di emozionarsi...


E se la musica avesse il magico potere di guidare i bambini in tutto questo? Noi ne siamo convinte.



17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti